FERIE 2017

Cari amici di LiberaMente, con il cuore accaldato (e non solo quello) comunichiamo che la settimana di ferragosto la libreria sarà chiusa.
Potrete comunque prenotare i vostri libri utilizzando la mail lib.liberamente@vodafone.it, oppure attraverso il portale GOODBOOK che trovate sulla finestra di destra.
Buone vacanze a tutti.

Giancarlo Vitali al Museo di Storia Naturale di Milano “Le forme del tempo” di Gianfranco Colombo

Giancarlo Vitali - Calcare grigio

Tratto da IL PUNTO STAMPA

Il Museo di Storia Naturale di Milano è una delle quattro sedi in cui si svolge la mostra “Time Out”, che vede protagonista Giancarlo Vitali. Il curatore dell’intero progetto, Velasco Vitali, ha voluto raccogliere in questa sede il nucleo espositivo “Le forme del tempo”, realizzato da Giancarlo Vitali a partire dal 1991, anno in cui si celebrava il centenario della morte dell’abate Antonio Stoppani.
A dominare la mostra al Museo di Storia Naturale è un grande dipinto raffigurante il Resegone e poi ancora gli straordinari fossili delle collezioni di Paleontologia, che Giancarlo Vitali riprende e reinterpreta. Le opere dell’artista di Bellano  trovano ideale dimora in quel Museo di cui Antonio Stoppani fu direttore dal 1882 al 1891, e contribuiscono a ridare lustro alla figura spesso trascurata dell’abate. Non bisogna, infatti, dimenticare che un’opera come “Il Bel Paese”, uscito per la prima volta nel 1873, divenne un vero e proprio best seller, come diremmo oggi, tanto da contendere il primato ad altre due opere celeberrime come il “Pinocchio” (1883) di Collodi e “Cuore” (1888) di De Amicis. Eppure quello di Stoppani non è un romanzo o un'opera narrativa, si tratta invece della descrizione delle bellezze naturali italiane, presentate con uno stile semplice e discorsivo, da un geologo insigne come era appunto il nostro autore. “Il Bel Paese” può essere preso come sintesi di quello che fu l'impegno scientifico e sociale dello Stoppani; nel suo libro, infatti, egli illustra ai lettori il territorio italiano dall'alto delle sue conoscenze anche per raggiungere lo scopo di far conoscere l'Italia intera proprio agli italiani. Antonio Stoppani, del resto, era uno scienziato molto conosciuto; prima insegnò geologia alle Università di Pavia e di Milano e poi divenne direttore del Museo di Storia Naturale del capoluogo lombardo. Riconducibile al liberalismo cattolico, il nostro abate, assertore convinto del dialogo tra scienza e religione cattolica, ebbe i suoi guai, soprattutto con l'Osservatore cattolico; guai che sfociarono addirittura in un processo, che fece non poco clamore e che Stoppani, peraltro, vinse. Proprio in occasione di quel processo il cronista del Corriere lo descrive come “un bel vecchio, dalla zazzera grigia”, che “veste coi calzoni da secolare” e “ricorda l'abate Listz”. Antonio Stoppani concepì “Il Bel Paese” come una serie di serate con i propri nipoti, i loro amichetti ed i rispettivi genitori, nelle quali egli descriveva le bellezze della nostra penisola. Queste “serate” furono in un primo tempo pubblicate sul periodico “Le Prime Letture”, quindi trovarono coesione e completezza proprio nell'opera “Il Bel paese”, che uscì la prima volta nel 1873. 
Giancarlo Vitali - Pietrificazioni
Il grande successo ottenuto fece sì che il volume avesse numerose nuove edizioni; in particolare nella terza, del 1882, furono aggiunte nuove serate. Quello di Stoppani era un intento didascalico, ma entro questa struttura egli seppe inserire tutte le sue conoscenze di grande scienziato e viaggiatore. Le conversazioni dell'abate Stoppani vanno dalle Alpi Carniche ai grandi ghiacciai italiani, dai vulcani come il Vesuvio e l'Etna sino ai nostri mari e laghi. Un lungo itinerario ricco di informazioni scientifiche e di aneddoti, all'interno del quale non mancano i riferimenti al nostro territorio. Famosissimo è l'episodio, che occupa un intero capitolo, dell'incendio del monte San Martino, ma Stoppani parla anche della curiosa presenza del petrolio nella pianura Padana. Dopo aver descritto i pozzi petroliferi in America, egli si sofferma sul fatto che anche in Italia esistono i giacimenti dell'oro nero. Egli convince i suoi ascoltatori che non serve andare  in California o in Cina per vedere dei pozzi di petrolio. Un libro unico, dunque, di un personaggio geniale, a cui oggi rende omaggio Giancarlo Vitali. «Questo mondo delle descrizioni di Stoppani – scrive Gian Luigi Daccò, all’interno del catalogo della mostra “Time Out” – splende nelle rivisitazioni, magiche e realissime insieme, di Giancarlo Vitali. Sulle orme del conterraneo scienziato, l’artista bellanese riscopre le memorie della vita delle montagne, delle rocce, dei fossili della loro terra lariana,  forme del tempo rigorosamente studiate ma che Vitali, pur avvalendosi di una metodologia d’indagine affine, sa anche intuire nel profondo: un divenire continuo e incessante, nato da un principio assolutamente semplice, non rieseguibile né componibile deliberatamente, collettivo inconscio per ciascuno di noi».

Agosto 2017 - Diario poetico - Gaetano Montanelli

Continuiamo il diario poetico di Gaetano Montanelli con altre poesie.
***
Se non potessimo
avere sogni
sarà un dilemma
pensare
ad altro
***
La musica allieta il cuore
e fa sognare,
solo i sognatori
non si accorgeranno di vivere.
Vivono i loro sogni.
***
Che l'amore
non sia compreso
è storia logica,
preoccupante
è
quando
sarà accettato.

LE QUATTRO CARTE DA GIOCARE DEL TURISMO LECCHESE TRA STORIA E ARCHEOLOGIA di Claudio Redaelli

Articolo tratto da IL PUNTO STAMPA


Ci sono almeno quattro capitoli sui quali lavorare e ai quali ricondurre risorse, interventi ed iniziative su precisi obiettivi riguardanti anche strutture ricettive, infrastrutture, richiami per il turismo lecchese. Quattro carte da giocare in una partita che, come si accennava affrontando lo stesso argomento nello scorso numero, può essere decisiva per il futuro non solo della città e della sua provincia, ma di tutto il comparto centro settentrionale della Lombardia, quello che, ce lo insegna proprio la storia, dai tempi protostorici delle popolazioni ibero liguri, svolge la funzione di cerniera tra la pianura e le montagne della nostra regione.

La storia ci ha consegnato un numero significativo di chiese romaniche disseminate intorno a Lecco (San Pietro e San Benedetto sul monte di Civate, San Calocero in Civate, il battistero di Oggiono, San Giorgio in Annone, Santi Nazaro e Celso in Garbagnate Monastero, San Nicolò a Figina, Santo Stefano a Bulciaghetto, San Salvatore a Barzanò, San Vito sempre a Barzanò, Santa Giustina a Casatenovo, Santi Gottardo e Colombano ad Arlate, Sant’Alessandro a Cavonio, Santa Margherita a Somadino, San Giorgio a Mandello, Santa Maria di Olcio, San Giorgio in Varenna, San Giovani pure a Varenna, San Martino a Perledo, Santi Quirico e Giulitta a Dervio, San Nicolò a Piona…): la loro ricerca e valorizzazione prende spunto da quella luce di religiosità in cui il Manzoni colloca gli edifici sacri. Non si ha quindi la pretesa di fare solo un discorso d’arte. Molto più semplicemente si desidera riandare alle testimonianze di fede che i nostri progenitori dell’età medioevale ci hanno lasciato. Questi messaggi non sono soltanto di pietra; celati su un monte, incorniciati tra le fronde dei castagni, proiettati sullo sfondo del lago, questi templi, spesso modesti, ci recano il palpitare ancora vivo degli ideali che mossero i costruttori, l’eco del salmodiare austero di monaci, l’immagine di coloro che vi trassero in fidente orazione. Farà bene non solo alla cultura ma anche al nostro spirito raccogliere quelle memorie che ci giungono da tempi lontani.
In questa nostra terra lecchese, corsa da mille eserciti, insanguinata da mille battaglie, castello è quasi sempre sinonimo di apprestamento difensivo; e la torre ha soprattutto funzione di avvistamento. Fu al principio dell’undicesimo secolo - narra Ignazio Cantù nelle Vicende della Brianza e de’ paesi circonvicini - che anche qui da noi le popolazioni «a capo di ogni villa, sul cocuzzolo d’ogni collina, eressero fortificazioni, di molte delle quali scorgiamo ancora vestigia». Non abbiamo, qui, costruzioni che le guide possano classificare importanti; castelli e torri - la Viscontea a Lecco, la Torraccia e poi la torre di Crebbio in Abbadia, e poi su fino a Vezio e Corenno Plinio, per poi ridiscendere attraverso Introbio alla Rocca di Somasca dove la tradizione della topografia manzoniana colloca il castello dell’innomiato, e poi Brivio e Imbersago, Merate e Cernusco, Perego e Dolzago fino a Tregolo e Tabiago - delle nostre parti hanno quasi un che di casereccio, di modesto, senza pretese. Eppure quelle pietre scandiscono la storia, reliquie di un passato non inglorioso della nostra gente. In questa luce, non con l’occhio freddo del catalogatore, vogliamo guardarle.
Andar per ville è occasione per cogliere elementi di bellezza che integrano una natura ancora oggi incantevole pur avendone la mano dell’uomo fatto scempio, per riscoprire tesori d’arte, per rievocare vicende e personaggi d’altri tempi. Dalla villa Manzoni al Caleotto di Lecco si muove un itinerario che si snoda poi su per il lago dov’è la Monastero di Varenna e tra le colline di Brianza, con ville innumerevoli - vengono immediatamente in mente la Gnecchi di Verderio Superiore, la Lurani di Cernusco, il Buttero di Olgiate Molgora, la Greppi di Monticello, la Subaglio di Merate, la Belgioioso pure a Merate dove Alessandro Manzoni - rieccolo, sempre lui, come non farne i conti - scolaretto nel collegio dei Somaschi si racconta che vi nascondesse trappole per lepri, ingegnosamente costruite in collaborazione con il piccolo amico Battista Pagani - quali  gelosamente celate alla vista, quali offerte all’ammirazione. Pennellate architettoniche, tracciate dalle mani del Muraglia, del Pollak, del Richino, del Muttoni, del Cantoni, del Cagnola, del Patroni, del Canonica, del Chierichetti. Un ritorno alla vecchia Brianza, quella che, tra il sette e l’ottocento, diceva il Linati, «accolse uno dei panorami d’umanità più intensa, di signorilità più garbata che in Italia si potesse vedere».
L’archeologia industriale, infine, in un percorso che abbraccia miniere e tracce di forni fusori, trafile, ruote e magli idraulici, filande e ferriere. Dove abbondano le testimonianze materiali dell’uomo che valorizzano la grande storia di Lecco, quella del ferro e della seta. Renzo era filatore di seta e Lucia anche lei setaiola. Non si scappa dal Manzoni, neanche a volerlo.
In Fermo e Lucia, la prima stesura del romanzo che sarebbe divenuto I Promessi Sposi, il Manzoni si lasciava andare a un sia pur controllato sentimento di nostalgia per l’«amenissimo piano che è posto al mezzogiorno del Monte Barro». Scriveva infatti: «La giacitura della riviera, i contorni, e le viste lontane, tutto concorre a renderlo un paese che chiamerei uno dei più belli del mondo, se avendovi passata una gran parte della infanzia e della puerizia, e le vacanze autunnali della prima giovinezza, non riflettessi che è impossibile dare un giudizio spassionato dei paesi a cui sono associate le memorie di quegli anni». Questo brano è stato espunto nelle successive redazioni del romanzo, così come la descrizione della vegetazione (come si sa, il Manzoni era, in botanica, assai più che un dilettante): carpini, faggi, qualche abete, sorbi, dafani, il cameceraso, il rododendro ferrugigno, il pruno, il biancospino, il melagrano, il gelsomino, il lilac e il filadelfo. E tuttavia nella famosa pagina iniziale - «Quel ramo del lago di Como» - si  sente in trasparenza il riverbero fascinoso di quello «sfondo azzurro di acque e di montagne». Gli anni e le stagioni che Alessandro trascorse in quel paesaggio quieto tra lago e costa, nella villa paterna del Caleotto, furono i più sereni e felici della sua vita. In tutto il romanzo, la vibrazione nostalgica si rinnova: la vista o il pensiero dei monti, dell’Adda, del lago, della cresta dentata del Resegone accende d’affetto l’anima di Lucia, di Renzo, di Agnese. I Promessi Sposi è sì una «storia milanese»; ma il suo cuore segreto è nel territorio di Lecco.
Oso dire che Manzoni è, per i luoghi cari al suo cuore, un eccellente propagandista turistico. Quando Renzo, alle porte di Milano, «vide quella gran macchina del duomo sola sul piano, come se, non di mezzo a una città, ma sorgesse in un deserto; e si fermò su due piedi, dimenticando tutti i suoi guai, a contemplare anche da lontano quell’ottava meraviglia, di cui aveva tanto sentito parlare fin da bambino», egli anticipa mirabilmente lo stupore, l’ammirazione, e la gratificazione gioiosa di un turista contemporaneo che arriva in un luogo da tempo noto e desiderato.

Si può osservare che uno dei motivi di modernità dei Promessi Sposi è che il romanzo è “girato” per buona parte in “esterni”. Ma non è il caso di tirarla troppo per le lunghe. Basta avere accennato a quanto viva fosse nel narratore l’attenzione agli scenari paesistici e naturali. L’atlante manzoniano è sempre un atlante dei sentimenti, ma non trascura lo scenario naturale, i colori della realtà.

Luglio 2017 - Diario Poetico - Gaetano Montanelli

Mi perdo
per
strade
traverse
e
sogno
un'isola

***

Puntare
dei soldi
su del
sentimento
e vedere
se
rende qualcosa

***

Scrivere,
a chi non si sa!
Forse anonimi individui
dal volto a volte
sorridente a volte spento
e capire che c'è
qualcosa di più
del semplice scrivere
e leggere.
A volte basta un niente
per scrivere,
basta un sorriso
e tutto viene da sé

***

Domenica 9 luglio 2017 - Proiezione film CON LE SPALLE NEL VUOTO, vita di Mary Varale


BiblioHospitalis, ASST Lecco, Libreria LiberaMente
invitano al "Caffè Letterario"
PROIEZIONE del FILM
CON LE SPALLE NEL VUOTO
Vita di Mary Varale

Mary Varale non è stata soltanto una delle maggiori arrampicatrici del periodo eroico dell'alpinismo italiano. Ma è stata una donna coraggiosa su tutti i fronti: piena di coraggio e di vitalità nello sfidare consuetudini e malattie
Il film CON LE SPALLE NEL VUOTO di Sabrina Bonaiti e Marco Ongania ne ripercorre la storia  grazie alla interpretazione in qualità di protagonista della  scalatrice SABINA BOTTà e con ROSSANO LIBERA a impersonare un condensato degli scalatori lecchesi che le furono compagni inseparabili. Il film è arricchito di testimonianze sulla sua singolare vicenda biografica
·        PRESENTA ALBERTO BENINI
Hall dell’Ospedale MANZONI
Domenica 9 luglio ore 17:00

INGRESSO LIBERO



Streghifici e malerie - Presentazione del libro A BELLO PESTE ET FAME LIBERA NOS DOMINE

Sabato 24 giugno 2016 alle ore 21
presso il Piccolo Museo Contadino di Bulciago
presentazione del libro  
A BELLO PESTE ET FAME LIBERA NOS DOMINE 
di Giovanni Corti (ed. IL CILIEGIO)


Relazione tecnica Restauro conservativo Lo Sposalizio della Vergine(1790) di Andrea Appiani



Restauro conservativo del dipinto murale dello Sposalizio della vergine di Andrea Appiani (1790) – Chiesa di Sant’Eufemia, Oggiono (LC)
Dott.ssa Annalisa Bonfanti – Dott.ssa Anna Figus _ Restauro e conservazione di opere d’arte

Descrizione e tecnica esecutiva del dipinto
L’opera raffigura il tradizionale tema dello Sposalizio della Vergine, immerso in uno scenario neoclassico. I personaggi raffigurati sono caratterizzati da una semplice, ma efficace naturalezza che conferisce molto realismo alla scena. In primo piano, sopra un gradino caratterizzato da una pavimentazione lastricata sono dipinti maria a destra( in veste rossa e manto blu) e Giuseppe a sinistra mentre si scambiano le promesse tenendosi la mano destra. Al centro c’è la figura del Sacerdote che, in abiti religiosi, officia lo sposalizio.
Particolare è il drappo della veste del Sacerdote, al di sotto delle mani giunte di Maria e Giuseppe, che riporta dei segni, apparentemente delle lettere che formano una scritta.
Dietro questa figura cinque altri personaggi, quattro maschili e uno femminile, assistono la celebrazione; solo uno di loro, il secondo a partire da sinistra guarda l’osservatore.
Gli sguardi assorti e le espressioni concentrate dei volti dei personaggi trasmettono e fanno assumere all’osservatore un atteggiamento raccolto e di devozione.

Il dipinto è stato realizzato con una base ad affresco stesa su un intonaco con granulometria dell’inerte piuttosto grossolana (Ø 1mm), su cui sono state stese campiture e rifiniture a secco dove è chiaramente visibile la pennellata del pittore. Grazie ad un’indagine della superficie a luce radente è stato possibile definire la presenza di quattro unità di lavoro (giornate). L’artista ha creato successivamente la composizione e le forme dei personaggi tramite incisioni sull’intonaco fresco. Le campiture di base sono state realizzate ad affresco, impiegando principalmente pigmenti inorganici (terre). Sono stati poi realizzati i dettagli a tempera (con legante organico).

Stato di conservazione
Il dipinto murale presentava una patina di deposito incoerente e parzialmente coerente che ingrigiva ed offuscava le forme ed i colori originali. Le cause del fenomeno erano riconducibili al normale deposito di pulviscolo atmosferico, trasportate sulla superficie tramite deposizione gravitazionale e correnti d’aria (dovute al portone d’ingresso adiacente alla Cappella). Inoltre, sotto il dipinto erano presenti delle candele di cera che causavano il deposito di nerofumo sulla superficie, contribuendo alla formazione della patina più coerente che offusca la pellicola pittorica. Ad un’osservazione ravvicinata della superficie è stata riscontrata la presenza di uno strato lucido imbrunito, probabilmente steso sul film pittorico, ma che attualmente è stato ritrovato in tracce, soprattutto fra le irregolarità dell’intonaco. La presenza di questo strato potrebbe ricondursi ad un fissativo/protettivo applicato durante pregressi interventi di restauro.
La pellicola pittorica mostrava piccole aree abrase, senza più la presenza della campitura cromatica. Sono stati riscontrati due graffi, all’altezza dello sfondo della scena, di origine antropica. Ad un esame ravvicinato del supporto, tramite noccatura manuale, è stata evidenziata la presenza di distacchi di lieve entità del supporto. Questi non sono caratterizzati né da rigonfiamenti superficiali, né da fessurazioni.

Intervento di restauro
Il restauro conservativo del dipinto murale dello Sposalizio della Vergine di Andrea Appiani ha avuto come scopo la conservazione dello stato attuale della superficie, tramite una leggera pulitura per recuperare i colori e le forme che si mostravano offuscate dai depositi superficiali.
Ogni fase è stata preliminarmente preceduta da test ed accordata con la Direzione Lavori e la Soprintendenza.
  • La pulitura della superficie si è divisa in due fasi differenti. La rimozione dei depositi incoerenti (polvere, sporco, ragnatele ecc.) è stata effettuata meccanicamente a secco. Per la rimozione dei depositi più coerenti sono state utilizzate delle spugnette Wishab di diversa durezza. In corrispondenza di quelle campiture che si mostravano ancora ingrigite ed, in seguito ai test per la verifica della resistenza dei pigmenti, è stata effettuata una pulitura acquosa utilizzando tamponcini di cotone imbevuti di acqua ed un tensioattivo non ionico. Grazie a questa operazione è stato possibile rimuovere anche in parte la pellicola di fissativo che si presentava ormai disgregata e poco coesa alla superficie.
  • Per ridurre l’interferenza visiva dei graffi di natura antropica riscontrati sulla superficie, come ultima operazione si è intervenuti con il ritocco pittorico degli stessi, ad acquarello per mantenere la reversibilità dell’intervento ed il rispetto dei materiali originali.

Indagini diagnostiche non invasive
L’intervento di restauro è stato preceduto da un progetto diagnostico. Le indagini selezionate sono tutte di carattere non invasivo, per cui non hanno implicato prelievi distruttivi di materiale dalla superficie.
È stata realizzata una campagna fotografica in luce diffusa e radente, per migliorare la conoscenza delle superfici e per avere la documentazione preliminare dello stato di conservazione. Grazie a questa fase è stato possibile realizzare il rilievo delle incisioni effettuate dall’artista per lo studio della composizione della scena dipinta.
Sono state effettuate delle indagini termografiche delle pareti, sia esterne che interne, con lo scopo di identificare le aree in cui si ha una eventuale presenza di umidità all’interno della muratura. L’indagine non ha rilevato presenza di infiltrazioni di acqua nella parete.
È stata realizzata una campagna diagnostica con luce UV, con lo scopo di identificare la presenza di campiture cromatiche con leganti organici e differenziare i pigmenti utilizzati dall’artista, informazione importante per la messa a punto delle fasi di pulitura della decorazione murale.
Di grande importanza per l’identificazione della tipologia di pigmenti è stata l’analisi XRF portatile (x-ray fluorescence).
Infine sono state acquisite immagini tramite microscopio da cantiere (Dinolite Pro) con differenti ingrandimenti per monitorare le fasi di restauro.

Abbiamo pensato di fare cosa gradita quella di riportare integralmente la relazione tecnica delle due restauratrici,  Dott.ssa Annalisa Bonfanti e Dott.ssa Anna Figus, protagoniste della serata Storia di un restauro, che si è tenuta Venerdì 9 giugno 2017 presso la Sala della Comunità Pastorale San Giovanni Battista a Oggiono.
Non aggiungiamo nulla. L’opera restaurata è magnifica e torna vanto della nostra chiesa Prepositurale di Sant’Eufemia. È un lavoro che è partito dal basso, come spesso ho avuto modo di sottolineare e siccome penso che questo sarà l’ultimo articolo dedicato all’iniziativa, l’Associazione Università del Monte di Brianza intende perciò ringraziare tutti coloro che, oltre agli sponsor ufficiali, hanno dato una mano e contribuito gratuitamente alla riuscita: il pittore Vladi Maggioni; la Pro Loco di Oggiono; le costumiste, Lella, Adele e Antonia; le damigelle del corteo nuziale; la banda Marco d’Oggiono e il presidente Giudici Giuseppe;  i fioristi, Carmen e Ruggero; il bar MoonShine; il negozio Lady and baby; i ragazzi di terza dell’ICS Marco d’Oggiono con la prof.ssa Berté; Dario Riva, Luigi Farina e il Fotoclub Ricerca e Proposta; Chiara Amati, mezzosoprano; l’Ing. Edoardo Marzi, attore; Luca Redaelli, violinista; la prof.ssa Muttoni, organista; Rinaldo Longhi per l’ospitalità: Luigi Longhi per le preziosi informazioni; Stefano Valtorta; Foto Galbusera; il falegname Giuseppe Mariani; il dott. Luigi Crippa; Giovanni Bonfanti; Alberto Colombo; Ilaria Dolfini; Pirovano Luigi; l’associazione
Archeologica; don Maurizio e tutti i cittadini di Oggiono che hanno partecipato e che potranno godere di questa bellezza, ritornata in viva luce grazie alla calda collaborazione di noi tutti.

Giovedì 22 giugno 2017 - Dalla guerra di Troia al XXI secolo. La nascita e la rinascita di un uomo dal cuore traballante. Presentazione libro di Alberto Frigerio



L’invito arriva da me, ma soprattutto dall’AIDO, Gruppo Comunale Michela Canali di Oggiono.
Sarà una serata in cui si parlerà di trapianti, di esperienze di vita e prospettive per il futuro, ma anche di un libro.
Il titolo è emblematico: Dalla guerra di Troia al XXI secolo. La rinascita di un uomo dal cuore traballante.
Il libro è stato scritto da Alberto Frigerio, oggionese, trapiantato di cuore e amico. Alberto, che all’oratorio chiamavamo Rocia (Roccia) per la sua possenza fisica quando giocava al pallone, forse possedeva anche qualcosa di delicato e traballante, quel cuore pazzo che a quei tempi mai avrebbe pensato di sostituire con quello di un’altra persona. Il libro parla di lui e anche di noi, almeno in quella che definisce la sua prima vita. Nella seconda c’è il dolore e la sofferenza, ma fortunatamente questa è una storia a lieto fine. È il racconto della vita di un uomo semplice e della sua famiglia. Le gioie, i dolori, la sofferenza della malattia, ma anche il coraggio di lottare, sempre.

Saranno presenti
  • Luigi Pirovano, presidente AIDO Oggiono
  • Frigerio Alberto, oggionese trapiantato di cuore e autore del libro
  • Dott.sa Patrizia Fumagalli, direttore Neurorianimazione Ospedale Manzoni di Lecco
  • Dott. Alessandro Dell’Oro, assistente
  • Antonio Sartor, presidente AIDO provinciale Lecco
  • Giacomo Colombo, responsabile commissione scuola AIDO provinciale
Ingresso libero gratuito

Domenica 18 giugno - Presentazione del libro IL RE CHE VERRA' di Giovanni Corti

Buongiorno a tutti. Questa volta l’invito che rivolgo è per la presentazione di un mio romanzo: IL RE CHE VERRA’ (Il Ciliegio edizioni).
È un romanzo giallo, ambientato, come i due precedenti, sul nostro territorio. La vicenda si svolge a cavallo di un decennio, fra la fine della guerra e la metà degli anni Cinquanta, ma la storia incrocerà obbligatoriamente una seconda storia più antica, precedente di quasi duemila anni. È solo una questione di tempo, ma in fondo sono la stessa storia, una è la continuazione dell’altra. I protagonisti sono custodi di un segreto. Un segreto da tramandare, da tenere nascosto, da proteggere, in attesa del re che verrà, l’unico che potrà svelarlo nella sua interezza.
Qualche lettore mi ha detto che nei miei romanzi parlo sempre di lago, del nostro lago. È vero, il lago mi ispira, e il nostro è particolarmente bello. In questa caccia al tesoro il protagonista vero è senz’altro lui, testimone muto di crimini ma anche di segreti e di misteri. Per questo che, in collaborazione con gli amici dell’Università del Monte di Brianza, della Pro Loco di Oggiono, del Kaiak Team e i pescatori della Società Oggionese Pescatori Sportivi, si è pensato di presentare questo libro per la prima volta proprio in riva al lago, alla SABINA, di fronte al Centro Remiero Marinai d’Italia, ovvero sul… LUOGO DEL DELITTO!

Domenica 18 Giugno ore 17
Alla SABINA
Presso Centro Remiero Marinai d’Italia
 IL RE CHE VERRà  
di Giovanni Corti
ed. Il Ciliegio

Gaetano Montanelli - Diario poetico

Gaetano Montanelli nasce a Lecco il 28 novembre 1954. La sua esperienza artistica inizia nel campo della musica jazz negli anni '70, solo dopo un decennio scopre il mondo della pittura e della poesia cui dedica totalmente la sua vita di artista. Nelle pagine di questo diario poetico che riporteremo mensilmente su questo blog, rime lievi si alternano a pagine di diario in cui il poeta confida ai lettori le sue emozioni con immagini di fiori in volo e volti femminili misteriosi, frasi brevi e riflessioni personali sulla vita di ogni giorno, allacontinua ricerca di un sogno, perché: "Se non potessimo avere sogni, sarà un dilemma pensare ad altro!"

***
Diario
di
un
viaggiatore
d'inverno,
tiepido
sole
che
splende
nei miei sogni.
***
Il cuore
appeso ad
un filo
sospeso
nel vuoto
in balia di bello
e cattivo
tempo.
***

Mese di giugno 2017 - Mostra del pittore Roberto Abate e gli Amici del Colore


 
Mostra COLLETTIVA 
      di PITTURA
Roberto Abate
E IL GRUPPO AMICI DEL COLORE
in
Libreria LiberaMente
OGGIONO Via G. Longoni 27/29
Giugno 2017

Orari apertura Lu. 15-19,30 Ma-Sa. 9-12,30 15-19,30

INGRESSO LIBERO

Venerdì 9 giugno 2017 - Serata STORIA DI UN RESTAURO (Lo Sposalizio della Vergine di Andrea Appiani)

“Questo matrimonio… s’ha da fare”
CRONACA DI UNA FESTA ANNUNCIATA

Come fossimo stati noi gli sposi, in trepida attesa dell’evento, abbiamo consultato per una settimana intera le previsioni del tempo, sussultando ad ogni perturbazione, ad ogni nuvoletta che appariva sullo schermo per la fatidica data. E il grande giorno è finalmente arrivato. Domenica 7 maggio, al mattino, si presenta con quel cielo grigio, incerto, che dalle nostre parti ti induce a prendere l’ombrello se esci. La cerimonia per l’inaugurazione dell’affresco restaurato Lo Sposalizio della Vergine di Andrea Appiani, prevista alle ore diciassette, è ancora lontana. Potrebbe fare peggio! Ma all’apparire delle graziose damigelle che aprono il corteo nuziale, il buon Dio deve avere un ripensamento primaverile, non intende rovinare la nostra festa. D’incanto il sole fa capolino, il cielo si è fatto azzurro, esaudendo i nostri reconditi desideri per una giornata radiosa.
A posteriori si può dire che sarebbe comunque stata una giornata di festa, con qualsiasi tempo, pure con la pioggia benedetta. D'altronde il proverbio non dice: «Sposa bagnata sposa fortunata»? E a pensarci bene, quando gli sposi furono Giuseppe e Maria, dovette senz’altro diluviare perché Maria portava in grembo nientemeno che il figlio di Dio, Gesù.
Il corteo delle damigelle, aperto da Luca Redaelli, talentuoso violinista di casa nostra, che da tempo accompagna i concerti di Van de Sfroos, si snoda da piazza Sironi fino a raggiungere la chiesa Prepositurale di Sant’Eufemia, seguito dalla banda Marco D’Oggiono e oserei dire dal paese intero, tanta è la gente per strada. Qualcuno chiede dove siano gli sposi. È chiaro che i veri protagonisti dovevano essere loro. Ma è altrettanto chiaro che gli sposi non potevano essere in carne e ossa, bensì quelli dipinti, che poi sarebbero stati svelati, dopo aver tolto il drappo che ancora occulta l’affresco dello Sposalizio.
L’organo della chiesa suona a festa mentre Chiara Amati, mezzosoprano, altro giovane talento oggionese, accoglie tutti con la sua voce musicale e Edo Marzi crea un’atmosfera sacra declamando il Cantico dei cantici.
La chiesa è gremita e la curiosità accresce di momento in momento. Lo si percepisce nell’aria, quella specie di elettricità, il brusio sommesso che accompagna l’attesa di un evento atteso. Quella voglia di vedere… poi, il drappo scende. Siamo tutti incantati!
Lungo molti anni
a grande prezzo
viaggiando attraverso molti paesi
andai a vedere alte montagne;
soltanto non vidi
dallo scalino della mia porta
la goccia di rugiada che scintillava

sulla spiga di grano.
È una poesia di Tagore, scrittore e filosofo bengalese. Sono parole che ben si addicono allo spirito che anima l’associazione Università del Monte di Brianza che ha proposto e lavorato affinché si realizzasse il restauro dello Sposalizio della Vergine di Andrea Appiani e che nel giorno dell’inaugurazione sollecitano un paio di riflessioni, brevi.
Ha ragione Tagore. Spesso andiamo chissà dove a vedere monumenti, opere d’arte, natura e non ci accorgiamo di ciò che abbiamo di fronte ai nostri occhi, davanti al nostro naso, quotidianamente, proprio come questo affresco di Andrea Appiani (1790), quasi invisibile per i più, ma che i grandi critici d’arte e non solo annoverano, con il Polittico di Marco D’Oggiono fra i tesori della nostra chiesa Prepositurale. Ebbene oggi, come cittadini, come comunità, non solo pastorale, perché un’opera d’arte è di tutti, grazie a questo restauro, ne riprendiamo possesso, metaforicamente.
È stato proprio un gran lavoro, ne siamo orgogliosi e il risultato è finalmente sotto i nostri occhi. Notevole!
E qui la seconda e ultima riflessione che è anche un ringraziamento. Sempre nello spirito del poeta bengalese, per il lavoro di restauro, abbiamo fortemente voluto che fossero due restauratrici giovani e di casa nostra ad attuarlo. Questo per dire che senza andare chissà dove, anche qui abbiamo delle eccellenze, notevoli professionalità. Grazie quindi a Elisa Figus e  Annalisa Bonfanti.
Un grazie va a don Maurizio che ha creduto, forse ceduto, alla testardaggine e determinazione della nostra piccola associazione. Un grazie grande va ad Assunta Galbiati e a Galbiati Group, che non solo ci ha creduto, ma soprattutto supportato economicamente in questo progetto. Senza questo sponsor, non si sarebbe potuto fare nulla.
Grazie a loro, alla sinergia con la scuola secondaria Marco d’Oggiono, il comune di Oggiono, la regione Lombardia e con tanti altri soggetti che non nomino, privati e associazioni, artisti, musicisti, cantanti e le bambine-damigelle del corteo che, curioso, facendo di cognome Appiani potrebbero essere le pro-pro-pro nipoti dell’illustre Andrea Appiani, abbiamo realizzato il nostro sogno, partito dal basso, dal piccolo come può esserlo un’associazione culturale seppur con un nome altisonante, e che spero sia di esempio a tutti nella nostra comunità per ulteriori progetti di salvaguardia delle bellezze della nostra città.

PROGRAMMA INIZIATIVE
VENERDI 9 Giugno  ore 21
Presso la Sala della Comunità Pastorale San Giovanni Battista a Oggiono.
STORIA DI UN RESTAURO, a cura di Elisa Figus e Annalisa Bonfanti, le restauratrici dell’affresco Lo Sposalizio della Vergine di Andrea Appiani.
Serata di approfondimento in cui verrà illustrato l’intervento tecnico-artistico con una proiezione fotografica, reportage del lavoro eseguito (foto di Dario Riva).
INGRESSO LIBERO
 

Sabato 20 maggio 2017 - Presentazione libro DISCO VOLANTE di Claudio Ravasi

Claudio Ravasi
Renato Franchi alla chitarra, Gianfranco D'Anna percussioni
Ravasi - presentazione Disco Volante
Carlo Losa
Presentazione del libro


DISCO VOLANTE
VIAGGIANDO NELLA MUSICA SENZA CONFINI
Incontro con l’Autore
CLAUDIO RAVASI
Accompagnato dalla chitarra di RENATO FRANCHI
e altri amici della Band l’ORCHESTRINA DEL SUONATORE JONES

Claudio Ravasi (sn) e Renato Franchi (dx)
in
Libreria LiberaMente
OGGIONO Via G. Longoni 27/29

Sabato 20 Maggio 2017
ore 17
INGRESSO LIBERO

Questo libro è la realizzazione di un sogno che corona un’esperienza giornalistica e la passionaccia per la musica di tutta una vita. La presentazione in LiberaMente gliela dovevo perché conosco Claudio da quando, ragazzini frequentavamo la scuola elementare (che oggi chiamiamo primaria), ci si trovava da sua nonna Libera a vedere la Tivù dei ragazzi e poi, più grandicelli, a casa sua ad ascoltare i primi vinili… i dischi dei Gufi, di De André e via cantando. I conti fateli voi. Il libro è una selezione di articoli, recensioni di dischi e artisti, pubblicati per quattro anni dall’autore sul Giornale di Lecco. È un libro scritto bene, da leggere tutto d’un fiato, magari ascoltando buona musica. Musica che non mancherà alla presentazione, con la presenza di Renato Franchi  (che ha curato la prefazione del libro) e qualche componente dell’Orchestrina del Suonatore Jones. Per la buona musica ci pensano loro, il resto lo ascolteremo da Claudio. Il divertimento è assicurato. Ingresso libero.

Sabato 13 maggio 2017 - Presentazione libro QUANDO LAVORARE E' BELLO. Lettere dal carcere di Giovanna Rotondo

Presentazione del libro

Quando lavorare è bello
LETTERE DAL CARCERE
Incontro con l’Autrice
GIOVANNA ROTONDO
in
Libreria LiberaMente
OGGIONO Via G. Longoni 27/29
Sabato 13 Maggio 2017
ore 17
INGRESSO LIBERO

L’esperienza di lavoro in carcere come Tutor è stata, per l’autrice, una delle più significative della sua vita, soprattutto per gli incontri che ha avuto l’occasione di fare, per la particolarità del luogo in cui si è trovata a operare e per la condizione delle persone con cui è entrata in contatto.
In questo scritto viene mostrato un mondo che spesso non si vuole conoscere: quello di chi è recluso, raccontando comportamenti e necessità quotidiane simili a quelle di tutti.
Un intreccio di storie e di testimonianze umane, ricche di vissuti differenti, con privazioni e sofferenze aggravate spesso dalla consapevolezza di aver trasgredito le regole sociali.
Una proposta formativa che ha coinvolto il gruppo di allievi che vi hanno preso parte motivandoli a migliorarsi e a scoprire i propri talenti: un’esperienza sorprendente ed emotivamente densa

7 Maggio 2017 - INVITO A NOZZE – Inaugurazione dell’affresco restaurato Lo sposalizio della Vergine di Andrea Appiani



Eccoci di nuovo. Ritorniamo a parlare del pittore Andrea Appiani (1754-1817) e dell’opera “Lo sposalizio della Vergine (1790)”, situato nella prepositurale oggionese di Sant’Eufemia, da poco restaurato e che sarà inaugurato domenica 7 maggio 2017.
È doveroso ricordare che la produzione artistica di Andrea Appiani è sempre stata dedita ad opere di soggetto mitologico o storico ed alla ritrattistica. Infatti, solo in età giovanile si concentrano le opere destinate ai luoghi di culto, poiché l’artista considerava le committenze ecclesiastiche mere occasioni di lavoro. Quando si è giovani, bisogna farsi un nome, riempire il curriculum di competenze e qualifiche, anche a costo di essere pagati poco o nulla. Tesi ancor oggi veritiera Passano i secoli, ma la storia non cambia! “Pei dipinti d’Arona non ebbe nulla: e soleva dire a’ suoi scolari, che bisogna dipingere il fresco quando lo dava l’occasione per cominciare ad imparare la pratica, com’egli aveva fatto”(Reina)
La prima opera a soggetto sacro dipinta da Appiani è la figura a fresco di Sant’Antonio in  un’edicola all’angolo della piazza principale di Balsamo, vicino a Milano, databile 1772. Di quest’opera non vi è più traccia, come dei quattro quadri dipinti ad olio che rappresentavano i quattro evangelisti, per la chiesa parrocchiale di Caglio in Valassina (1776-1777). La prima opera sopravvissuta che inizia a farci pregustare la sua pittura di ampio respiro, è la serie di tre medaglie ad affresco in cui sono narrati altrettanti episodi dell’Antico Testamento nella chiesa di Rancate (1785). Nella chiesa di Arona dipinge ad olio su tela la Nascita del Bambino Gesù: quadro di 5 braccia dipinto allo stile di Correggio.
Non per altrui committenza, ma per motivi famigliari, Appiani affrescò a Oggiono, nella chiesa parrocchiale, lo Sposalizio della Vergine, opera firmata e datata 1790 (Beretta).
È un’opera importante che deve inorgoglire gli oggionesi. Primo perché, oltre Rancate, citato in precedenza, rimane l’unica grande opera di Appiani che è possibile vedere in Brianza. Per questo i grandi musei milanesi, in occasione del bicentenario della morte dell’artista, per allestire le loro mostre, avrebbero voluto possederne l’originale. Ma ahimè, essendo un affresco, dovranno accontentarsi di una foto, magari nel formato dell’opera, e chi vorrà vedere lo Sposalizio dal vero dovrà per forza venire a Oggiono. Il secondo motivo per rimarcarne l’importanza è il tema trattato dall’artista, cioè lo sposalizio di Giuseppe e Maria. Il dott. Giovanni Morale, coordinatore di Gallerie d’Italia di Piazza della Scala di Milano, nella serata I matrimoni nell’arte, dal Perugino all’Appiani, tenutasi lo scorso 6 aprile, presso l’aula magna dell’Istituto Comprensivo Marco D’Oggiono, ha infatti sottolineato che la tematica del matrimonio dei genitori di Gesù, nella storia dell’Arte, è fatto abbastanza raro. Non presenta un numero alto di opere, forse una ventina. Va considerato che nei Vangeli o nei testi biblici non si fa alcun  riferimento alla cerimonia di questo matrimonio. Certamente non si possono dimenticare i capolavori del Perugino e soprattutto di Raffaello, che Andrea Appiani, sicuramente conosceva e aveva studiato. Quindi, il nostro “Sposalizio” si presenta come un’opera unica che con il Battistero romanico di San Giovanni Battista e il Polittico di Marco D’Oggiono, va ad aggiungersi ai tesori della nostra chiesa di Sant’Eufemia.
Il pittore, come si rileva da un documento del tempo (conservato presso l’archivio parrocchiale) scritto dal canonico Carpani di Oggiono, portò a termine l’affresco in soli 6 giorni.
“1790. Nel giorno 6 ottobre il signor Andrea Appiani ha cominciato a dipingere lo Sposalizio di san Giuseppe con la Beata Vergine Maria ed ha finito il giorno 11 di detto mese. Il giorno 13 fu benedetta la Cappella di san Giuseppe”.
Sei giorni! Molti meno di quanto hanno impiegato Elisa Figus e Annalisa Bonfanti, le due competenti restauratrici che hanno ripulito l’affresco dalla patina del tempo, e soprattutto tantissimo meno del tempo che l’Associazione Università del Monte di Brianza ha impiegato per svolgere tutte le pratiche dei lavori per avere i permessi necessari da Curia e Soprintendenza alle Belle Arti.
Il lavoro ha consentito, grazie alle tecniche moderne di restauro, di scoprire alcuni misteri legati alla tecnica pittorica, i tipi di pigmenti utilizzati per i colori, il disegno, i ripensamenti, ma anche la strana scritta che si legge sulla fascia del sacerdote, oppure la firma del pittore. Per questi dettagli tecnici e curiosi lasceremo la parola alle due restauratrici, coadiuvate dalle immagini del Fotoclub Ricerca e proposta di Dolzago che ha eseguito un reportage fotografico, seguendo dall’inizio alla fine il lavoro, per una serata apposita aperta a tutti gli appassionati. Rimane insoluto il mistero del committente e del perché quest’opera unica sia finita ad Oggiono. Conosciamo invece Galbiati Group, lo sponsor che ha restaurato l’affresco.
Dal nome del canonico Carpani che riportò il documento dei sei giorni, presumiamo che la committenza sia venuta dalla nonna paterna del pittore:  Giovanna Isella Carpani, di origini annonesi. Il mistero rimane comunque: perché proprio ad Oggiono?
È sicuro che si volesse ricordare un matrimonio o evidenziare l’importanza di questo sacramento, che l’artista volle suggellare ritraendo volutamente per Maria il volto di Costanza Bernabei che due anni dopo l’affresco sposò. L’amore di Andrea per la sposa è testimoniato dai numerosi disegni e bozzetti che la ritraggono.

Ero felice. Avrei voluto abbracciare il mio Josef, per lui mi era salita in petto una tenerezza mai provata… Mi aveva creduta, ero felice e calda di gratitudine per lui. “Fai quello che è giusto, Josef. Io oggi sono tua più di prima, più della promessa.” (da In nome della madre di Erri De Luca)

Sono sicuro che  da questo momento, entrando in chiesa, avremo tutti un occhio di riguardo per questo affresco così prezioso.
L’inaugurazione dell’opera restaurata sarà domenica 7 maggio alle ore 17. Fino a quel momento l’affresco sarà coperto da un telo. E, come ogni buon matrimonio che si rispetti, faremo una grande festa per questo singolare sposalizio di Giuseppe e Maria.
Tutta la cittadinanza è invitata alla “cerimonia” nuziale. Appuntamento in piazza Sironi per il corteo alle 16.50 o alle 17 in chiesa. Non mancherà, neppure la banda che suonerà per le vie del paese, e soprattutto non mancheranno i confetti per tutti!
Un grazie ed un ricordo particolare va a Luigi Longhi, che ci ha coadiuvato nella ricerca arricchendola di notizie sconosciute.


PROGRAMMA domenica 7 maggio 2017

  • ORE 16.50     Corteo nuziale che si snoderà per le vie cittadine con richiami bandistici eseguiti dal Corpo musicale Marco D’Oggiono. preceduti  da splendide  damigelle    
Partenza da P.zza Sironi
  • ORE 17.30     Inaugurazione dell’opera restaurata nella chiesa prepositurale Sant’Eufemia di Oggiono.
La cerimonia sarà allietata dal canto di Chiara Amati, talentuosa mezzosoprano, accompagnata all’organo dalla prof. Maria Teresa Muttoni.
Letture di Edo Marzi accompagnate dal  magico  violino di Luca Redaelli.
La popolazione sarà “invitata” alla cerimonia nuziale per “Lo sposalizio della Vergine e Giuseppe”.
Presso un gazebo appositamente allestito si organizzeranno le visite guidate e la formazione di gruppi accompagnati da guide che spiegheranno l’Opera e la figura di Andrea Appiani.
Accanto alle guide ufficiali dell’Associazione Archeologica di Oggiono, saranno presenti le giovani guide di terza della Scuola secondaria di primo grado “Marco D’Oggiono”, che hanno    approfondito lo studio su Appiani.

Presso la Sala della Comunità Pastorale S. Giovanni Battista (Oggiono) mostra dei lavori dei ragazzi di terza della Scuola secondaria di primo grado di Oggiono, incentrata sul Neoclassicismo lombardo e relativamente sulla figura di Andrea Appiani. 
La mostra sarà visitabile domenica 7 maggio e le domeniche successive con modalità da concordare.